MENU
Viale Gran Sasso 10 - 20131 Milano
02 2941 9096 / 02 2940 8196 info@codaconslombardia.it

Veglione quanto mi costi!

30 Dicembre 2008


 Andare in discoteca la notte di Capodanno o concedersi la formula "cenone – ballo" non è più alla portata di tutti. L’aumento delle tariffe legate al divertimento ha indotto moltissimi agrigentini a rinunciarvi, optando per altre soluzioni più convenienti. Ecco i listini prezzo di alcuni alberghi in cui si celebreranno i tanto attesi festeggiamenti: si va da un minimo di 50 euro per quanti scelgono la discoteca (consumazione solitamente inclusa) ad un massimo di 150 euro per il gran galà. Per fortuna anche quest anno c’è l’alternativa economica. L’amministrazione comunale di concerto con due artisti agrigentini Michelangelo Calì e Dario Indelicato ha organizzato per il primo dell’anno un mega concerto, un mix di giovani gruppi non solo agrigentini, in Piazza Stazione, alla stregua di quanto avvenuto lo scorso anno al Viale della Vittoria. Il palco risulta in parte allestito. Tra oggi e domani si ultimerà il montaggio dell’impianto luci e audio. La proposta di un Capodanno all’insegna della buona musica e del risparmio è subito piaciuta al sindaco Zambuto, il quale questa mattina alle 11 nel suo ufficio illustrerà più dettagliatamente il programma. L’obiettivo è quello di coinvolgere la cittadinanza attraverso il linguaggio universale della musica. Ampia e variegata la partecipazione dei gruppi che a turno si esibiranno in piazza Marconi: dalla band locale "Capofortuna" che suona le cover di Rino Gaetano, al gruppo "Direzione sud" che suona in pieno stile Paolo Belli e Ladri di biciclette. Ed ancora "Effetto Vasco" tra le formazioni siciliane più efficaci nell’interpretare i classici del "Blasco" nazionale. Non mancherà un tocco di jazz e blues con gli "Aetherea Band".  Intanto per quanti sono già alle prese con il cenone di Capodanno, il Codacons nella persona del suo segretario nazionale Francesco Tanasi dispensa alcuni consigli finalizzati al risparmio della tredicesima: 1) Ridurre i chili dell’affettato, visto che puntualmente un buon quantitativo non viene consumato; 2) Scegliere con cura il negozio in cui fare gli acquisti, ricordandosi che gli esercizi commerciali più convenienti sono gli hard discount e il mercato; 3) Andare a fare la spesa con la lista dettagliata obbligandosi a rispettarla, ciò servirà a ridurre acquisti inutili; 4) Evitare frutti e verdure tra i più singolari ritrovabili in questi giorni nei banchi dei rivenditori. Le primizie infatti oltre ad essere meno buone sono molto più costose. 5) Attenzione alle scadenze. In questi giorni si ha fretta di acquistare finendo per non prestare attenzione a molte cose, quale appunto la scadenza dei prodotti; 6) Riscoprire i sapori semplici e naturali; 7) Mangiare il giusto, senza esagerare. Si può assaggiare tutto al patto di ridurre i quantitativi. Dopo mangiato è consigliato non distendersi, ma smaltire e digerire una parte delle calorie magari con una passeggiata; 8) Brindisi. Ci sono ottime marche di spumanti italiani a prezzi ragionevoli, anche se le marche note non sono sempre le migliori.

Compila il form qui sotto inserendo i dati richiesti così da essere contattato in tempi rapidi da un nostro assistente legale.





    AGGIORNAMENTI IN PRIMO PIANO:

    Partecipa alle nostre battaglie, fai valere i tuoi diritti!

    Cerca nel sito