MENU
Viale Gran Sasso 10 - 20131 Milano
02 2941 9096 / 02 2940 8196 info@codaconslombardia.it

TRAGEDIA ALL`IDROSCALO: LA LOMBARDIA HA UN TRISTE PRIMATO

14 Maggio 2007








Con la tragedia avvenuta ieri all`Idroscalo di Milano, dove hanno trovato la morte due cuginetti, si è aperta la polemica sulla non sicurezza di quello che è considerato il “mare“ dei milanesi.
Eppure, denuncia il Codacons, la Lombardia dovrebbe preoccuparsi molto di più della situazione dei suoi fiumi, dove c`è un triste primato di morti. Nel 2002, l`anno forse più tragico, ci furono ben 12 vittime. Per una Regione che non ha il mare si tratta di un dato decisamente preoccupante.

“L`idroscalo è paradossalmente uno dei posti più sorvegliati. Ogni anno, con l`arrivo dei primi caldi, sul Ticino e sull`Oglio si verificano delle tragedie. Da anni il Codacons chiede che su questi fiumi particolarmente insidiosi la balneazione sia proibita del tutto. Eppure nemmeno dove esistono già dei divieti questi vengono fatti rispettare“ ha dichiarato il presidente del Codacons, avv. Marco Maria Donzelli.

“Pur di favorire il turismo domenicale le autorità locali spesso chiudono un occhio e lasciano fare bagni vietati. A nulla servono i bollettini di guerra che segnalano i morti“ ha concluso Donzelli.
Senza contare, inoltre, che le statistiche in Italia sottostimano il fenomeno. Infatti i casi di semiannegamento, lo stadio immediatamente precedente l`annegamento, che si ha quando la vittima viene tratta in salvo prima che smetta di respirare, pur essendo frequentissimi non vengono neppure denunciati.

Compila il form qui sotto inserendo i dati richiesti così da essere contattato in tempi rapidi da un nostro assistente legale.





    AGGIORNAMENTI IN PRIMO PIANO:

    Partecipa alle nostre battaglie, fai valere i tuoi diritti!

    Cerca nel sito