MENU
Viale Gran Sasso 10 - 20131 Milano
02 2941 9096 / 02 2940 8196 info@codaconslombardia.it

No alla svendita della scuole

28 Dicembre 2008


No alla svendita della scuole.  Il grido d’allarme lo lancia il Codacons in riferimento alle ultime decisioni prese dalla Provincia di Salerno. Tra i beni che la Provincia vuole vendere c’è anche l’Itis "G. Gatta" di Sala Consilina, valutato 3.500.000 euro. «Stagione di saldi e di crisi economica. Ed, evidentemente, le difficoltà in cui versano le finanze della Provincia di Salerno devono essere alquanto gravi, se si vuole mettere in vendita un gioiello valutato 3,5 milioni di euro: l’Istituto Tecnico per l’Industria "G.  Gatta" di Sala Consilina», c’è scritto nella nota del responsabile Codacons di Sala Consilina. «Solo chi non conoscesse il territorio potrebbe concepire un siffatto scempio del senso comune e della buona finanza. In un territorio dove la Provincia spende soldini pubblici, oltre che per le troppe sagre, anche per il fitto di un edificio che ospita il Liceo Scientifico a Padula, vuole vendere un gioiello. «Consigliamo al Presidente della Provincia di Salerno di venire a visitare tale gioiello, con il suo auditorium, i suoi laboratori, le sue aule e i suoi immensi spazi. E ci permettiamo di fare una proposta che so dispiacerà ad alcune persone della splendida cittadina della Certosa: accorpiamo il Liceo Scientifico e L’ITIS, se possibile, cosicché si avrà un cospicuo risparmio che, anche se non sarà immediato, di certo sarà duraturo nel tempo». Ammonta a circa 13 milioni di euro la cifra che la Provincia di Salerno intende recuperare mettendo in vendita una parte del suo patrimonio immobiliare sparso sul territorio. Si tratta prevalentemente di locali ad uso commerciale e appartamenti, ma c’è anche un istituto scolastico (appunto l’Itis di Sala Consilina). La gran parte delle alienazioni riguarda comunque Salerno città, dove la Provincia ha intenzione di dismettere dal proprio patrimonio svariati appartamenti in via De Martino e a via Tasso dove, per esempio, sarà posto in vendita un intero alloggio di sei vani, al quarto piano, più un terrazzo ed un altro immobile soprastante, al prezzo di 800mila euro, mentre un identico appartamento al terzo piano dello stesso stabile è stato quotato 600mila euro. L’elenco completo prevede ben 18 immobili la cui alienazione non comporterà alcun disagio alla gestione patrimoniale dell’Ente bensì risparmi dovuti alla manutenzione e alle procedure relative alle locazioni.

Compila il form qui sotto inserendo i dati richiesti così da essere contattato in tempi rapidi da un nostro assistente legale.





    AGGIORNAMENTI IN PRIMO PIANO:

    Partecipa alle nostre battaglie, fai valere i tuoi diritti!

    Cerca nel sito