MENU
Viale Gran Sasso 10 - 20131 Milano
02 2941 9096 / 02 2940 8196 info@codaconslombardia.it
02 2941 9096 02 2940 8196 SCRIVICI PRENOTA APPUNTAMENTO

E gli “avanzi” delle feste li mangeremo fino a marzo

28 Dicembre 2008


 La tavola ricca delle feste con prelibatezze e leccornie in abbondanza ha il suo inevitabile risvolto: lo smaltimento degli avanzi nei giorni successivi.  Secondo il Codacons, infatti, il 75% delle famiglie sta ancora mangiando e bevendo ciò che ha comprato per il Natale e continuerà a farlo fino a metà marzo. In base ai calcoli dell’associazione dei consumatori, gli avanzi delle pietanze natalizie continueranno ad essere presenti sulle tavole degli italiani fino ad esaurimento: l’ultima sarà, la frutta secca, il 15 marzo, preceduta di pochi giorni dai dolci e dagli spumanti.  Per evitare, però, di mangiare a lungo le stesse cose, Codacons consiglia di riscoprire la sempre viva «arte del riciclo» casalingo che memore del nulla si crea, nulla si distrugge rielabora ricette «gustose» con quel che è rimasto in dispensa. è come rivoltare un cappotto, rimodernare un abito demodè. Basta un pò di fantasia e l’accortezza di non usare cibi scaduti o andati a male! Ecco una tabella con la durata stimata delle varie pietanze avanzate in questi giorni di feste: 1) Frutta secca – 15 marzo; 2) Vini e spumanti – 10 marzo; 3) Dolci – 26 febbraio; 4) Sottaceti – 15 febbraio; 5) Frutta – 20 gennaio; 6) Formaggi – 10 gennaio; 7) Contorni – 30 dicembre; 8) Carne – 30 dicembre; 9) Pasta – 29 dicembre; 10) Affettati, salse, insalata russa – 28 dicembre. Anche quest’anno, dunque, abbiamo esagerato e comperato troppe cose pensando che qualcuno dei commensali potesse non averne abbastanza. E siccome è opinione comune che il cibo nella pattumiera è peccato lo sport preferito nelle cucine italiane è il restyling degli avanzi nel frigo. Sennò chi se li mangia?  Il Codacons invita a riscoprire i vecchi metodi: forza dunque con polpette, sformati, pizze farcite, bollito rifatto al sugo, insalatone miste (in cui potete riciclare in un colpo solo i secondi, antipasti e contorni). La frutta secca può essere caramellata per diventare un dolce tipo croccante o torrone. Per il panettone la cosa migliore è aggiungere una crema pasticciera.  Secondo l’inchiesta del Codacons resa nota prima di Natale, l’ultima a morire sarà la frutta secca, che finiremo il 15 marzo 2009, seguita da vini e spumanti (il 10 marzo), mentre al terzo posto si classificano i dolci, che finiremo il 26 febbraio. I secondi di pesce avanzati, invece, è meglio buttarli: per loro il tempo è scaduto.
 

Compila il form qui sotto inserendo i dati richiesti così da essere contattato in tempi rapidi da un nostro assistente legale.





    AGGIORNAMENTI IN PRIMO PIANO:

    Partecipa alle nostre battaglie, fai valere i tuoi diritti!

    Cerca nel sito