MENU
Viale Gran Sasso 10 - 20131 Milano
02 2941 9096 / 02 2940 8196 info@codaconslombardia.it

COMMERCIO: REGIONE LOMBARDIA ANTICIPA I SALDI

7 Giugno 2012


COMUNICATO STAMPA DEL 7-06-12

 

COMMERCIO: REGIONE  LOMBARDIA  ANTICIPA I SALDI

 

CODACONS: BENE ANTICIPARE, MA VANNO LIBERALIZZATI

 

IMPATTO ZERO PER I COMMERCIANTI:  IL 75% DEI COMMERCIANTI ANTICIPAVA GIA’ I SALDI

 

Approvato dal Consiglio regionale della Lombardia il progetto di legge bipartisan per anticipare di un mese la stagione dei saldi in Lombardia, con l’obiettivo presunto e dichiarato di dare una risposta alle difficoltà degli esercenti in un periodo di crisi economica (ai consumatori no?).

Per il Codacons è un bene anticipare i saldi, ma non basta. “Togliere il divieto di effettuare vendite promozionali un mese prima dei saldi, significa solo prendere atto del fatto che in occasione degli ultimi saldi invernali il 75% dei negozi di Milano li aveva anticipati” ha dichiarato il presidente del Codacons, avv. Marco Maria Donzelli. “Come dire: non riuscendo a far rispettare una legge assurda, la modifichiamo. Un atto un po’ opportunistico, che avrà impatto zero  sulle tasche dei commercianti, dato che già tutti anticipavano i saldi in barba ad legge regionale anacronistica” ha proseguito Donzelli

Per il Codacons la vera novità sarebbe liberalizzare i saldi, consentendo ai commercianti di farli quando vogliono, così da aumentare la concorrenza tra di loro e premiare i commercianti più dinamici e disponibili.

Inoltre è tutto il settore del commercio che va liberalizzato. Le mancate liberalizzazioni costano 5 miliardi e mezzo per il ritardo nel commercio al dettaglio alimentare e 2 miliardi e mezzo per il commercio al dettaglio non alimentare.

Per questo il Codacons da anni chiede non solo i saldi liberi ma anche le vendite sottocosto libere, dato che attualmente non si possono fare  per più di 3 volte all’anno, per una durata superiore a 10 giorni, per più di 50 prodotti e se non sono passati almeno 20 giorni dall’ultima vendita sottocosto. Senza contare che la vendita sottocosto va pure comunicata al comune. Le vendite sottocosto libere, queste si, aiuterebbero sia i commercianti che i consumatori, dei quali i politici non sembrano preoccuparsi.

Compila il form qui sotto inserendo i dati richiesti così da essere contattato in tempi rapidi da un nostro assistente legale.





    AGGIORNAMENTI IN PRIMO PIANO:

    Partecipa alle nostre battaglie, fai valere i tuoi diritti!

    Cerca nel sito