MENU
Viale Gran Sasso 10 - 20131 Milano
02 2941 9096 / 02 2940 8196 info@codaconslombardia.it

Codacons Sui Saldi a Milano

15 Luglio 2014


Normal 0 14 false false false MicrosoftInternetExplorer4

Normal 0 14 false false false MicrosoftInternetExplorer4

Normal 0 14 false false false MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:”Tabella normale”; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:””; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-ansi-language:#0400; mso-fareast-language:#0400; mso-bidi-language:#0400;}

COMUNICATO STAMPA

Cronaca di Milano

15 luglio 2014

INCASSI STIMATI PER 3.7 MILIARDI DI EURO

PICCOLO ACCENNO DI RIPRESA GRAZIE AI SALDI ESTIVI

SCONTI MEDI APPLICATI SUPERIORI AL 40%. OGNI FAMIGLIA SPENDERÁ IN MEDIA 237 €, 8 € IN PIÚ RISPETTO AL 2013. GRANDE ATTESA PER L’EFFETTO BONUS DI 80 €

IL CODACONS INDICA ALCUNI CONSIGLI PER IL CORRETTO ACQUISTO DEGLI ARTICOLI IN SALDO

Il 5 luglio a Milano hanno avuto inizio saldi estivi e in soli 10 giorni si iniziano a notare segni positivi di ripresa. Secondo le stime del Codacons, ogni famiglia spenderà in media per l’acquisto di articoli di abbigliamento e calzature in saldo 237 euro per un valore complessivo di 3,7 miliardi di euro.

Le vendite estive rappresentano sempre un momento di richiamo per le famiglie, anche se negli ultimi anni la quota destinata a questo tipo di acquisto si è ridotta costantemente in linea con le esigenze delle famiglie. Tuttavia ci si aspetta che il bonus di 80 euro, di cui hanno beneficiato 10 milioni di italiani, contribuisca a dare una scossa ai consumi.

Per il corretto acquisto degli articoli in saldo, il Codacons ricorda alcuni principi:

1. Cambi: la possibilità di cambiare il capo dopo l’acquisto è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme.

2. Prova dei capi: è rimesso alla discrezionalità del negoziante.

3. Pagamenti: le carte di credito devono essere accettate dal negoziante qualora sia esposto nel punto vendita l’adesivo che attesta la relativa convenzione.

4. Prodotti in vendita: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale (anche se nulla vieta di esporre anche capi non stagionali) o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo.

5. Indicazione del prezzo: obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.

Ufficio Stampa: 393/9803854

 

 

Compila il form qui sotto inserendo i dati richiesti così da essere contattato in tempi rapidi da un nostro assistente legale.





    AGGIORNAMENTI IN PRIMO PIANO:

    Partecipa alle nostre battaglie, fai valere i tuoi diritti!

    Cerca nel sito