MENU
Viale Gran Sasso 10 - 20131 Milano
02 2941 9096 / 02 2940 8196 info@codaconslombardia.it
02 2941 9096 02 2940 8196 SCRIVICI PRENOTA APPUNTAMENTO

Codacons su Milano ed esercizio diritto all’aborto

24 Giugno 2022


COMUNICATO STAMPA

Cronaca Milano

Venerdì 24 Giugno 2022

MILANO ED IL DIFFICILE ESERCIZIO DEL DIRITTO ALL’ABORTO

IN LOMBARDIA 6 GINECOLOGI SU 10 SONO OBIETTORI, IN 10 STRUTTURE SU 62 NON VENGONO EFFETTUATE INTERRUZIONI VOLONTARIE DI GRAVIDANZA

CODACONS: IL RISCHIO E’ CHE INTERE REGIONI RIMANGONO NELL’IMPOSSIBILITA’ DI GARANTIRE UN DIRITTO RICONOSCIUTO DALLA LEGGE ALLA DONNA – SERVONO IMMEDIATE CONTROMISURE SCRIVEREMO AL MINISTERO DELLA SALUTE

Cronaca Lombardia: in Italia ed il Lombardia crescono i problemi affinché venga garantito il diritto ad abortire, previsto da una Legge del 1978, e confermato dal referendum del 1981, che permette la possibilità di interrompere volontariamente e legalmente una gravidanza entro 90 giorni dall’inizio della stessa.
Come noto l’art. 9 della stessa Legge, dice anche che: “il personale sanitario non è tenuto a prendere parte agli interventi per l’interruzione della gravidanza quando sollevi obiezione di coscienza, con preventiva dichiarazione”. L’obiezione di coscienza, si legge ancora nella legge, “esonera il personale dal compimento delle procedure e delle attività specificamente e necessariamente dirette a determinare l’interruzione della gravidanza, e non dall’assistenza antecedente e conseguente all’intervento”.
Ora però, in alcune zone ed in alcune Regioni italiane il problema del numero dei ginecologi obiettori di coscienza sta creando dei concreti problemi nell’esercizio di quello che è un diritto riconosciuto dalla Legge.
In alcune Regioni, come il Molise o la Sicilia la situazione è critica perché i medici non obiettori si contano sulle dita di una mano, ma anche in Lombardia si sta raggiungendo una soglia critica – afferma il Presidente Nazionale del Codacons, Marco Donzelli – ma i rischi di rendere gravemente difficoltoso l’esercizio di questo diritto sono enormi. Pensiamo per esempio agli aborti clandestini. Così la situazione non può continuare, per questo scriveremo al Ministero della Salute chiedendo sia garantita per Legge la possibilità concreta in ogni Regione italiana di esercitare il diritto all’aborto legale come previsto dalle leggi dello Stato.”
Ufficio Stampa Codacons Lombardia: 346/6940183
Indirizzo e-mail: info@codaconslombardia.it

Compila il form qui sotto inserendo i dati richiesti così da essere contattato in tempi rapidi da un nostro assistente.





    AGGIORNAMENTI IN PRIMO PIANO:

    Partecipa alle nostre battaglie, fai valere i tuoi diritti!

    Cerca nel sito