MENU
Viale Gran Sasso 10 - 20131 Milano
02 2941 9096 / 02 2940 8196 info@codaconslombardia.it
02 2941 9096 02 2940 8196 SCRIVICI PRENOTA APPUNTAMENTO

Codacons su assegno divorzio

10 Giugno 2022


COMUNICATO STAMPA

 

Cronaca Lombardia

 

Venerdì 10 Giugno 2022

 

SEPARAZIONE E DIVORZIO: CHI NON VERSA L’ASSEGNO DIVORZILE RISCHIA IL CARCERE!

 

LA CORTE DI CASSAZIONE HA STABILITO CHE NON PAGARE IL MANTENIMENTO O L’ASSEGNO DI DIVORZIO È REATO

 

TUTTI COLORO I QUALI HANNO NECESSITA’ DI INFORMAZIONI O DI TUTELA LEGALE POSSONO CONTATTARCI AL NUMERO 02.29419096 E INFO@CODACONSLOMBARDIA.IT

 

 

Una recente sentenza della Corte di Cassazione ha stabilito che non pagare il mantenimento o l’assegno di divorzio è un reato. Tuttavia il Supremo Collegio ha sentenzia che la pena non deve necessariamente essere quella della reclusione. Questa pronuncia va considerata anche alla luce di un’altra circostanza: non sempre chi non paga il mantenimento o l’assegno commette reato. È il caso dell’uomo che, a causa di un licenziamento improvviso, non può più permettersi di versare alcunché.

 

Infatti non scatta se il coniuge che non paga non lo fa apposta ma, semplicemente, non è più in grado di far fronte all’obbligo economico, ad esempio perché è nullatenente oppure perché ha perso il lavoro. In casi del genere, mancando il dolo, non sussiste nemmeno il reato.

 

Anche qualora scattasse l’ipotesi delittuosa, cosa che accade quando l’ex coniuge si sottrae volontariamente al proprio obbligo, la Cassazione ha comunque stabilito che non necessariamente la condanna debba essere quella del carcere.

 

La legge stabilisce due pene alternative tra loro: la reclusione fino a un anno, la multa fino a 1.032 euro, il Giudice poi deve sempre motivare sulla scelta fra reclusione e pena alternativa. Di conseguenza, chi non paga l’assegno divorzile non deve necessariamente essere condannato al carcere, a meno che il Giudice non ritenga, dandone espressa motivazione in sentenza, che la pena sia adeguata alla condotta.

 

Peraltro il Giudice, scegliendo tra il carcere e la multa, deve spiegare le ragioni che lo hanno indotto a optare per l’una o per l’altra pena, dovendosi presumibilmente ritenere che il carcere vada bene solamente per l’ex che si è rifiutato per lungo tempo di pagare l’assegno, cioè per colui che ha accumulato molte mensilità arretrate.

 

Per informazioni sul tema e per ricevere assistenza legale contattate il Codacons all’indirizzo info@codaconslombardia.it o al recapito 02.29419096.

 

Ufficio Stampa: 346/6940183

Compila il form qui sotto inserendo i dati richiesti così da essere contattato in tempi rapidi da un nostro assistente.





    AGGIORNAMENTI IN PRIMO PIANO:

    Partecipa alle nostre battaglie, fai valere i tuoi diritti!

    Cerca nel sito