MENU
Viale Gran Sasso 10 - 20131 Milano
02 2941 9096 / 02 2940 8196 info@codaconslombardia.it
02 2941 9096 02 2940 8196 SCRIVICI PRENOTA APPUNTAMENTO

Codacons su acrilammide e cancro – richiesta messa al bando

18 Marzo 2022


 COMUNICATO STAMPA

Cronaca Lombardia e Nazionale

Venerdì 18 Marzo 2022

CORRELAZIONE ACRILAMMIDE E CANCRO: LA DENUNCIA DEL CODACONS: NORMATIVA ITALIANE ED EUROPEA MOLTO INDIETRO 

L’AIRC CLASSIFICA LA SOSTANZA COME PROBABILE CANCEROGENO E RECENTI STUDI INDICANO LA PRESENZA DELLA SOSTANZA NELLA MAGGIOR PARTE DEI CIBI PER BAMBINI

CODACONS: SCRIVEREMO AL MINISTERO DELLA SALUTE, SERVE ORA UNA LEGGE BASATA SUL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE A TUTELA DELLA SALUTE PUBBLICA

Cronaca Lombardia e Nazionale: Acrilammide, a molti probabilmente il nome non dice quasi nulla, ma si tratta di una sostanza che si forma naturalmente negli alimenti amidacei durante la normale cottura ad alta temperatura.
La principale reazione chimica che ne è la causa è nota come “reazione di Maillard”, la stessa reazione chimica che conferisce ai cibi l’aspetto abbrustolito e li rende più gustosi.
Purtroppo, studi condotti con animali di laboratorio hanno dimostrato il legame tra l’aumento del rischio di sviluppare tumori e l’esposizione all’acrilammide, a dosi molto elevate.
L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha classificato l’acrilammide tra i “probabili cancerogeni per l’uomo”, mentre l’EFSA (l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare), pur dichiarando che il rischio è molto basso, invita a limitarne il consumo.
Codacons: “Un recentissimo studio condotto dall’Università Federico II di Napoli e Roma San Raffaele su 90 campioni di baby food ha evidenziato una concentrazione molto alta  in quasi tutti i prodotti, in particolare modo nei biscotti.
Il problema principale è che non esiste un vero e proprio limite di legge – afferma il Presidente Nazionale del Codacons, Marco Donzelli –  ma solo delle soglie – periodicamente riviste al ribasso – alle quali le aziende alimentari devono tendere per tenere sotto controllo la sostanza tossica. Così, in pratica, in caso vengano rilevate dei prodotti con concentrazioni superiori al livello di riferimento non scatta nessun ritiro alimentare ma solo l’obbligo per le aziende di mettere in atto una serie di azioni di contenimento.
La nostra Associazione, che tutela e si batte per la salute pubblica è molto preoccupata da questa situazione e dall’inerzia che il Legislatore europeo e quello nazionale dimostrano sul tema, ed invita, in virtù del principio di precauzione, la previsione di soglie e di limiti di legge molto stringenti volti a tutelare, in primo luogo, la salute umana.
Per questo motivo scriveremo al Ministero della Salute, chiedendo una legge che regoli l’acrilammide.”
Ufficio Stampa Codacons Lombardia: 346/6940183
consulenze@codaconslombardia.it- 02/29419096

Compila il form qui sotto inserendo i dati richiesti così da essere contattato in tempi rapidi da un nostro assistente.





    AGGIORNAMENTI IN PRIMO PIANO:

    Partecipa alle nostre battaglie, fai valere i tuoi diritti!

    Cerca nel sito