MENU
Viale Gran Sasso 10 - 20131 Milano
02 2941 9096 / 02 2940 8196 info@codaconslombardia.it


Sovraindebitamento


Non darla vinta alle banche,
affidati a noi!

Ottieni il Risarcimento che ti spetta




    Non darla vinta alle banche, affidati a noi!

    Per sovraindebitamento si intende «lo stato di crisi o di insolvenza del consumatore, del professionista, dell’imprenditore minore, dell’imprenditore agricolo, delle start-up innovative […] e di ogni altro debitore non assoggettabile alla liquidazione giudiziale ovvero a liquidazione coatta amministrativa o ad altre procedure liquidatorie previste dal codice civile o da leggi speciali per il caso di crisi o insolvenza» (art. 2 lett. c) d.lgs. 14/2019).

    Affidati a Codacons per accedere al piano del consumatore e liberarti dai debiti.

    Ma in cosa consiste? Il piano di ristrutturazione agevola il consumatore, perché non è richiesta l’approvazione dei creditori ai fini dell’omologazione; inoltre, i crediti che non possono essere soddisfatti – se il piano viene approvato – diventano inesigibili. La ratio della disciplina novellata – come si legge nella relazione illustrativa – consiste nel favorire il debitore, per consentirgli «nuove opportunità nel mondo del lavoro, liberandolo da un peso che rischia di divenire insostenibile e di precludergli ogni prospettiva futura».

    Per tutti quei soggetti che non riescono a far fronte all’ammontare dei debiti che hanno accumulato (nei confronti di chiunque, da Equitalia alle Banche), forniamo una consulenza personalizzata sulla possibilità di fare una richiesta per aderire al “piano del consumatore”, ovvero una proposta di accordo presentata al Tribunale per lo sgravio di parte dei debiti.

    Contattaci

    Legge 3/2012

    Il Parlamento ha approvato la legge 27 gennaio 2012, n. 3, con la quale ha disciplinato una nuova tipologia di concordato per comporre le crisi di liquidità del singolo debitore, al quale non si possono applicare le ordinarie procedure concorsuali. Su tale disciplina è poi intervenuto il decreto-legge 179 del 2012 che ha modificato alcuni aspetti della procedura e ne ha esteso l’applicazione al sovraindebitamento del consumatore.

    Il sovraindebitamento viene definito come la situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio liquidabile per farvi fronte, nonché la definitiva incapacità del debitore di adempiere regolarmente le proprie obbligazioni.

    Questi può proporre, con l’ausilio di un organismo di composizione della crisi, un piano per la ristrutturazione dei debiti e la soddisfazione dei crediti attraverso qualsiasi forma, che indichi le scadenze e le modalità di pagamento dei creditori.

    La proposta di piano è depositata presso il tribunale. Ad essa sono allegati l’inventario dei beni del debitore e una relazione particolareggiata dell’apposito organismo di composizione della crisi.

    Il piano viene omologato dal tribunale, che può nominare un liquidatore, e per tre anni i creditori con causa o titolo anteriori non possono iniziare o proseguire azioni esecutive individuali. Ad iniziativa dei medesimi creditori non possono essere disposti sequestri conservativi, né acquistati diritti di prelazione sul patrimonio del debitore che ha presentato la proposta di piano. Durante il periodo di tre anni le prescrizioni rimangono sospese e le decadenze non si verificano.

    In alternativa al piano, il consumatore, quando versi in una situazione di sovraindebitamento ed abbia già fatto ricorso, nei precedenti 5 anni, alla procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento, può chiedere la liquidazione di tutti suoi beni e dei crediti fondati su prova scritta.

    Al termine dei due procedimenti si ha l’esdebitazione, che libera il consumatore sovraindebitato dai debiti residui nei confronti dei creditori per titolo e causa anteriore all’apertura della procedura che l’ha interessato. Sono previste sanzioni di carattere penale a carico del consumatore, dei componenti dell’organismo di composizione, del liquidatore nominato dal giudice e del gestore della liquidazione.

    I documenti necessari per la pratica

    Di seguito sono indicati i documenti necessari per avviare la procedura di sovraindebitamento:

    • Certificato di residenza storico dei richiedenti
    • Certificato di stato di famiglia
    • Estratto per riassunto dell’atto di matrimonio con annotazione a margine
    • Estratto conto relativo all’ultimo anno
    • Visura nominativa al PRA per i richiedenti
    • Visura nominativa al Catasto per i richiedenti
    • CRIF aggiornata
    • Contatti delle cessioni de quinto e delle deleghe di pagamento
    • Contratti dei prestiti personali in corso
    • Contratto del mutuo ipotecario
    • Documenti di riconoscimento in corso di validità
    • Tessera sanitaria e codice fiscale
    • Documentazione reddituale relativa agli ultimi 5 anni, CUD, UNICO, ultime 3 buste paga
    • Attestato di disoccupazione dei richiedenti
    • Estratti contributivi
    • Breve descrizione sui motivi delle difficoltà economiche
    • Elenco ed importi delle spese mensili ricorrenti (acqua, luce, gas, bollo auto, canone locatizio etc..)
    • Estratto di ruolo rilasciato dall’Agenzia delle entrate-Riscossione (ex Equitalia)
    • Corrispondenza dei vari creditori

    Compila il form qui sotto inserendo i dati richiesti così da essere contattato in tempi rapidi da un nostro assistente legale.





      Comunicati Stampa Codacons su questi argomenti




      Cerca nel sito