MENU
Viale Gran Sasso 10 - 20131 Milano
02 2941 9096 / 02 2940 8196 info@codaconslombardia.it


Operazioni Fraudolente


Non darla vinta alle banche... ottieni il rimborso per le operazioni fraudolente commesse da ignoti

Ottieni il Risarcimento che ti spetta




    Non darla vinta alle banche…ottieni il rimborso per le operazioni fraudolente commesse da ignoti!

    I mezzi di pagamento alternativi al denaro contante, primo fra tutti la carta di credito, hanno da tempo preso piede nel nostro paese, diffondendosi velocemente tra i cittadini che hanno modificato le proprie abitudini, attratti dalla comodità e dai vantaggi offerte da tali monete virtuali.

    Ma non è tutt’oro quello che luccica, come dimostrano le notizie di truffe messe in atto attraverso furti d’identità e acquisto di carte di credito a nome di ignari cittadini.

    Questo capita anche a causa della carenza di controlli delle società esercenti le carte di credito, interessate ad aumentare il proprio giro d’affari, e per la superficialità dei commercianti, che non richiedono mai un documento d’identità quando si effettua un pagamento con moneta elettronica.

    Affidati a Codacons e recupera le somme indebitamente sottratte

    Parlaci della tua disavventura con la Banca! Una volta che esamineremo il tuo caso e verificata la presenza dei necessari presupposti, i nostri legali ti porteranno al raggiungimento dell’obiettivo, che in questo caso è il rimborso.

    Se ti sei già chiesto se esiste un modo per essere risarcito: la risposta è si!

    Contattaci

    Alcuni consigli del Codacons:

    Se avete effettuato un acquisto mediante la vostra carta di credito e con noncuranza buttate (o perdete) la ricevuta che l’esercente vi ha consegnato

    Prestate attenzione perché tale trascuratezza può costarvi molto cara: numerosi utenti hanno infatti denunciato addebiti sulla loro carta di credito mai effettuati ed usi fraudolenti, non già dall’uso diretto di carte smarrite o rubate, ma del numero delle loro carte di credito.

    In moltissimi casi (provare per credere..) basta comunicare il numero di una carta e la data di scadenza (registrati sulle ricevute che l’esercente deve consegnare come prova di acquisto) per poter tranquillamente effettuare ordini telefonici e relativi pagamenti delle merci o di beni e/o servizi più disparati, solo che (dettaglio non irrilevante..) l’addebito verrà effettuato non all’ordinante, ma al titolare di quel numero di carta di credito.

    Dunque ricordatevi di:

    • Conservare con cura la carta, lontano da fonti magnetiche; non graffiarne la banda magnetica.
    • Non conservare il PIN (numero segreto) assieme alla carta.
    • Ricordatevi di verificare ogni sera che la carta sia ancora in vostro possesso.
    • Conservare le ricevute fino all’arrivo dell’estratto conto per poi distruggerle, evitando di buttarle ancora leggibili nella spazzatura.
    • Evitate di fornire il numero di carta a soprattutto ad interlocutori telefonici.
    • Evitate nella maniera più assoluta di utilizzare la carta per acquisti via Internet o per transazioni elettroniche via filo; in caso di assoluta necessità di operare acquisti per questo canale, verificare che il sito sia protetto (nella videata la presenza dell’icona “lucchetto”, aperto finché si sta operando, ma che si chiude al termine della transazione) e che appaia una piccola chiave o la sigla “Ssl” (Secure socket layer) oppure Set per l’invio dei dati in forma crittografata).
    • Pretendete dal negoziante che la transazione, ossia il pagamento di un bene o di un servizio, sia effettuata “a vista“.
    • La raccomandazione 489/97 CE, del 30 luglio 1997, relativa a salute e sicurezza dei consumatori, stabilisce che il titolare di una carta di credito non è responsabile delle perdite derivanti dallo smarrimento o dal furto dello strumento elettronico di pagamento dopo aver eseguito la prescritta notificazione (in genere con denuncia effettuata nelle 48 ore) e che, fino al momento della stessa notificazione, il titolare sostiene la perdita subita in conseguenza dello smarrimento o del furto nei limiti di un massimale pari a 150 Euro .
    • Conservate i numeri telefonici (in genere Numeri Verdi) forniti dal gestore della carta per eventuali blocchi a seguito di furti e smarrimenti.
    • Effettuate immediatamente dopo la denuncia presso l’Autorità giudiziaria (Carabinieri, Polizia, ecc.).
    • Inviate appena possibile alle società emittenti, una raccomandata a/r, allegando la denuncia rilasciata dall’Autorità Giudiziaria, per contestare l’eventuale uso fraudolento.

    Siamo certi che con i nostri utili consigli riuscirete a conoscere il grande “sconosciuto” di nome banca e ad evitare di cadere nelle sue trappole quando in alcune occasioni, diviene un nemico da fronteggiare..

    Phishing

    Il phishing è un tipo di frode ideato allo scopo di rubare l’identità di un utente della Rete. Quando viene attuato, una persona malintenzionata cerca di appropriarsi di informazioni quali numeri di carta di credito, password, informazioni relative ad account o altre informazioni personali convincendo l’utente a fornirgliele con falsi pretesti. Il phishing viene generalmente attuato tramite posta indesiderata o finestre a comparsa.

    In concreto il phishing viene messo in atto da un malintenzionato che invia milioni di false e-mail che sembrano provenire da siti Web noti o fidati come il sito della propria banca o della società di emissione della carta di credito. I messaggi di posta elettronica e i siti Web in cui l’utente viene spesso indirizzato per loro tramite sembrano sufficientemente ufficiali da trarre in inganno molte persone sulla loro autenticità. Ritenendo queste e-mail attendibili, gli utenti troppo spesso rispondono ingenuamente a richieste di numeri di carta di credito, password, informazioni su account ed altre informazioni personali.

    Per far sembrare tali messaggi di posta elettronica ancora più veritieri, un esperto di contraffazione inserisce un collegamento che apparentemente consente di accedere ad un sito Web autentico, ma che di fatto conduce ad un sito contraffatto o persino una finestra a comparsa dall’aspetto identico al rispettivo sito ufficiale. Queste imitazioni sono spesso chiamate siti Web “spoofed”.

    Una volta all’interno di uno di questi siti falsificati, è possibile immettere involontariamente informazioni ancora più personali che verranno poi trasmesse direttamente all’autore del sito che le utilizzerà per acquistare prodotti, richiedere una nuova carta di credito o sottrarre l’identità dell’utente.

    Diverse sono state le pronunce, principalmente della giurisprudenza civile di merito, ma anche di legittimità, in tema di phishing. Tra le principali è opportuno menzionare la sentenza del 15/03/12 della Sez. II del Tribunale di Siracusa che ha condannato Poste italiane S.p.A. al risarcimento dei danni subiti da un correntista vittima di un caso di phishing.

    Altra sentenza di rilievo è quella della Sez. III del Tribunale di Firenze datata 20/05/2014 che ha sancito il principio che Poste Italiane, come qualsiasi altro operatore bancario, nei rapporti contrattuali con il cliente “risponde secondo le regole del mandato” (art. 1856 c.c.) e la diligenza cui è tenuta va valutata con particolare rigore. In particolare, con specifico riferimento all’utilizzazione di servizi e strumenti, con funzione di pagamento o altra, che si avvalgono di mezzi meccanici o elettronici, è fondamentale, ai fini della configurazione di relative responsabilità, la verifica dell’adozione da parte dell’istituto delle misure idonee a garantire la sicurezza del servizio.

    Anche il Tribunale di Milano con sentenza della VI sez. civile datata 04/12/2014 è intervenuto in materia addebitando all’operatore bancario la violazione degli obblighi inerenti alla predisposizione di dispositivi di sicurezza idonei a evitare intrusioni sin troppo agevoli nei sistemi protetti. Anche a fronte dell’adozione di misure di protezione in linea con gli standard del settore, la banca può comunque essere chiamata a rimborsare, a norma della disciplina sui servizi di pagamento, la perdita sofferta dal correntista allorquando i pirati informatici, per impossessarsi delle credenziali, si siano avvalsi di metodi particolarmente sofisticati che, allo stato, non sono riconoscibili e neutralizzabili dal cliente medio.

    Sei stato vittima? Rivolgiti a noi per riottenere i tuoi soldi

    Le banche provano ad addebitare tutta la colpa dell’accaduto a te, ma non è così! Tramite i nostri legali avrai un assistenza dedicata per ottenere il rimborso delle somme indebitamente sottratte.

    Se ti sei già chiesto se esiste un modo per essere risarcito: la risposta è si!

    Contattaci

    Vishing

    Vishing è il nome di una nuova truffa che viaggia sul filo del telefono. Il suo significato nasce dall’unione di due parole inglesi: voice, voce e phishing, i tentativi di truffa che arrivano sulle mail che ci chiedono dati personali e protetti.

    Tutto comincia con una chiamata che, di solito, dice di appartenere al call center di un istituto di credito e avverte che una nostra carta di credito è stata oggetto di una truffa o di un tentativo di truffa. Motivo, secondo il sedicente telefonista, per chiedere di fornire tutta una serie di informazioni personali (pin, ad esempio) in modo da confermare che i dati del titolo siano ancora protetti.

    Ad abbassare il livello di difesa della potenziale vittima, il fatto che il telefonista in effetti conosce il numero della carta che dice di voler controllare, numero carpito con furti o sofisticate tecniche di social engineering.

    Smishing

    Un’ultima particolare attenzione va riservata ad un’altra variante di attacco informatico, ‘smishing’, ovvero il phishing che funziona via sms: in questo caso sul nostro smartphone arriverà un messaggio con cui ci viene chiesto, anche con la promessa di uno sconto o di una promozione, di contattare un certo numero di telefono o di collegarsi ad un certo sito. Si tratta quasi sempre di un sito clone, simile a quello della banca.

    Compila il form qui sotto inserendo i dati richiesti così da essere contattato in tempi rapidi da un nostro assistente legale.





      Comunicati Stampa Codacons su questi argomenti




      Cerca nel sito