COMUNICATO STAMPA 

 Cronaca Milano

Lunedì 17 Luglio 2017

CIMITERO MONUMENTALE: DOPO CLASS ACTION CODACONS, VIDEOSORVEGLIANZA. MA IL PIANO DI RISTRUTTURAZIONE? 

TRA I FURTI E IL DEGRADO DELLE TOMBE DEI CADUTI IN GUERRA

CODACONS: TROPPO TARDI E TROPPO POCO. DOPO I GRAVISSIMI FURTI AVVENUTI E IL DEGRADO DELLE TOMBE DEI CADUTI SERVE UN PIANO RAPIDO E SERIO PER LA RISTRUTTURAZIONE 

Cimitero Monumentale Milano: da Agosto via alla videosorveglianza (77 telecamere di sicurezza lungo tutto il perimetro del cimitero) per garantire la sicurezza delle tombe.

Codacons: “L’enorme importanza di quello che è il Cimitero Monumentale per la città di Milano, un vero e proprio museo a cielo aperto, sempre più meta turistica di persone da tutta Italia e da tutto il mondo.

Ma cosa vedono le persone che entrano al Monumentale? “Dal caos presente nei vialetti laterali e nei controviali, dove il parterre è interamente coperto da un tappeto di aghi e rami caduti; Dalla presenza di statue crollate e residui di statue, a tombe scoperchiate, alla presenza, eclatante, di sepolture abbandonate da eredi che forse non ne conoscono neppure l’esistenza. Così anche le edicole, fatiscenti.”

Senza parlare dello stato di degrado in cui versano le tombe dei reduci di guerra; del tutto abbandonate a loro stesse.

C’è in gioco anche la memoria storica e culturale del nostro Paese. Non è accettabile che esse vengano conservate in questo modo. – conclude l’Associazione – Serve un piano di ristrutturazione e manutenzione serio e affidabile da parte dell’Amministrazione, altrimenti perderemo uno dei punti di forza della città.”