L`ambiente rappresenta l`emergenza mondiale che ognuno di noi deve porre al primo posto nella realizzazione delle attività umane e nella prevenzione dei disastri ecologici.

La necessità di adottare tecnologie innovative che siano riduttive dell`impatto ambientale e soprattutto alternative a quelle inquinanti attraverso lo sviluppo sostenibile, l`applicazione del principio di prevenzione, il risanamento dei siti a rischio, le competenze normative previste a livello regionale e locale in capo alle istituzioni pubbliche, le iniziative dei cittadini rappresentati dai comitati e dalle associazioni, rappresentano le tematiche che verranno sviluppate da questo dipartimento con particolare attenzione a :

  • Fonti rinnovabili e Fonti alternative;
  • Impatto Ambientale delle Infrastrutture e Valutazione;
  • Inquinamento Atmosferico;
  • Inquinamento Elettromagnetico;
  • Inquinamento Acustico;
  • Energia Pulita e Certificati Verdi;
  • Green Pricing;
  • Tutela delle acque;
  • Risanamento dei siti.

Siamo disponibili ad accogliere sul sito relazioni, proposte, progetti e idee attinenti agli argomenti prospettati.

In merito all’elettrosmog, il Codacons si occupa degli effetti provocati dalle onde elettromagnetiche sulla salute umana.

Le apparecchiature che producono campi elettromagnetici possono infatti causare inquinamento nell’ambiente circostante, sia dentro casa che all’esterno, provocando con la lunga esposizione e soprattutto con la “vicinanza” ai suddetti impianti danni fisici e psichici alle persone.

Studi epidemiologici condotti a livello mondiale hanno dimostrato che l’esposizione inconsapevole e protratta nel tempo può causare malattie gravi come la leucemia.

Sotto accusa sono soprattutto le stazioni radio base costruite su edifici abitati, scuole, ospedali, i telefonini che funzionano come impianti radio base in miniatura e, per l’alta frequenza, i tralicci elettrici.

Il decreto emanato il 10.9.98 n. 381 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 3.11.98 n.257 regolamenta per la prima volta questa materia, una conquista anche se minima ottenuta grazie al lavoro continuo di alcune associazioni impegnate in questa difficile materia, tra le quali vi è il Codacons.

I limiti di esposizione fissati da questo decreto sono di 6 V/m per gli impianti costruiti nelle immediate vicinanze di case e in generale abitazioni, un valore che tuttavia prende in esame solo gli effetti a breve termine e non quelli a lungo termine che sono i più gravi e possono anche provocare tumori.

Inoltre, nello stesso decreto è disposto che in ogni caso per la realizzazione di sistemi fissi di telecomunicazione i valori di campo elettromagnetico devono essere più bassi possibile, compatibilmente con la qualità del servizio svolto dal sistema stesso al fine di minimizzare l’esposizione della popolazione.

Quindi è possibile effettuare una perizia tramite società private oppure enti sanitari pubblici, come l’I.S.P.E.S.L., per verificare l’entità dei valori di esposizione ai campi elettromagnetici provocati da apparecchiature che insistono nella vicinanza della propria casa e nel caso superino i 6 V/m chiedere la sospensione del funzionamento o addirittura la rimozione degli impianti .

Anche il Codacons si è munito di uno strumento di misurazione dei campi elettromagnetici utilizzato da tecnici qualificati per fornire un’assistenza adeguata agli utenti.

Il Codacons, tuttavia, non è pienamente soddisfatto di questo decreto che non realizza il massimo della cautela nei confronti della popolazione.

Infatti l’iniziale proposta avanzata dall’I.S.P.E.S.L. per la fissazione dei limiti di esposizione da far rientrare nel decreto in oggetto era di 3 V/m, un valore oltre il quale, in base a studi scientifici, già é possibile che vi sia pericolo per la salute umana.

La nostra associazione pertanto s’impegna ad informare la popolazione sui rischi ed eventuali pericoli per la propria salute provocati dalla diretta esposizione ai campi elettromagnetici ed a convincere le società di telefonia mobile e in generale quelle che procedono all’installazione di impianti elettromagnetici, ad adottare le migliori misure tecnologiche per il rispetto del territorio e l’installazione degli impianti che producono onde elettromagnetiche a distanza da edifici abitati.